Musica Maestro!

Nella seconda puntata di “Prospettive: il sociale si racconta in radio” abbiamo ospitato Gianni Murano, rappresentante dell’Associazione Corale “Luigi Tonini Bossi”. La corale nasce nel 1979 e ha assunto l’attuale denominazione nel 1987 in memoria del musicista, pianista e compositore senigalliese Luigi Tonini Bossi. Il coro è diretto dal Maestro Massimo d’Ignazio e svolge un’intensa attività concertistica in Italia e all’estero.

Alcuni studi hanno dimostrato che cantare in un coro stimoli grande affiatamento e consente ad ognuno di condividere maggiormente la propria personalità. Ce lo confermi?

Cantare insieme, condividere musica e note scatenano un’energia incredibile. Produce endorfine, illumina il cervello. Dimentichi per un po’ la tua identità e la confondi con quella degli altri. Il mio scopo non è far sentire la mia vocina, ma ascoltare la voce di tutti. Solo ascoltando gli altri capisco quanto è importante la mia parte. Così il coro diventa una voce unica. È una magia. Quando succede lo avverti: lo stomaco fa un guizzo, sudi e alla fine ti gira un po’ la testa.

Che cosa dovrebbe spingere un ragazzo a scegliere il coro come forma di manifestazione del proprio estro artistico?

I giovani d’oggi sono estremamente interessanti però sono anche “viziati” dall’avere tutto subito. La musica necessita di uno studio, una conoscenza. La passione è qualcosa di complesso da coltivare. Perché bisogna mettersi in moto ed il coro dà questa possibilità. Mi capita ogni tanto di far sentire a dei giovani i Jethro Trull che si divertono ad inserire nelle loro canzoni dei bourrée. Allora gli chiedo: sai chi ha scritto questa cosa? È stato un signore chiamato Johann Sebastian Bach! Niente è nuovo in campo musicale, però bisogna ascoltare e applicarsi invece oggi sembra che tutto debba essere immediatamente fruibile.

Come faccio a sapere se sono intonato oppure no?

Nasciamo non educati all’ascolto della musica. Nella nostra testa cantiamo meravigliosamente ma poi questa non esce perché non ascoltiamo la nostra voce. Non esistono persone stonate ma persone che non hanno voglia di mettersi in gioco. È un processo che porta a capire cose che neanche si immaginano. Alcuni esercizi di respirazione ti fanno comprendere che bisogna respirare come quando si dorme o come quando eravamo bambini. Vuol dire togliere strati, conoscersi.

La figura del direttore d’orchestra è molto affascinante, ma è davvero importante o è solamente teatrale?

Il direttore d’orchestra diventa rappresentazione di qualcosa che il pubblico non vede ma può soltanto ascoltare. Ogni direttore ha un codice, personale ed estremamente privato. Massimo non gesticola, è una persona estremamente delicata che tenderebbe a nascondersi. Prima di iniziare un concerto ci aspetta e ci saluta uno per uno, ci dà la mano, un abbraccio. È un rito. Guai se non sentiamo la pacca del Maestro. La sua direzione comincia da lì. Quando poi dirige la prima cosa che fa è sorridere e questo ci dice “andrà tutto bene”. Scompaiono le tensioni e il coro si rilassa.

Come funziona se volessi entrare a far parte del vostro coro?

Il Maestro ti sottopone ad una audizione per conoscere la tua estensione vocale e l’intonazione. Accogliamo immediatamente le persone nuove e le facciamo cantare con noi. All’interno del coro ci sono poi dei preparatori vocali che aiutano i nuovi ad utilizzare la propria voce al meglio. Entrare nella nostra associazione è molto facile ed estremamente divertente.

Sei anche il regista dello spettacolo “Duetto Rossiniano”, un omaggio a questo straordinario compositore, nel 150° dalla sua morte.

In questo spettacolo presentiamo la figura di Rossini attraverso due donne fondamentali nella sua vita da musicista: Rosa Morandi e la signora Catalani, che hanno reso Rossini famoso. Gli abbiamo dedicato l’amore delle sue donne. Attraverso lettere inedite raccontiamo anche un po’ di gossip. La “Petite Messe” è il suo ultimo gioiello. Mi piace pensare che sia stata la sua dedica, il suo lascito.

Tracks
1# Corale Tonini Bossi – Locus iste
2# Corale Tonini Bossi – Sicut cervus
3# Corale Tonini Bossi – Benedictus
4# Gioacchino Rossini – Petit Messe Solennelle (Gloria)
5# Gioacchino Rossini – Petit Messe Solennelle (Agnus Dei)

Programma condotto da Fabrizio Ricciardi
Foto: Mirko Silvestrini
Scritto da Nicola Mariani
CONDIVIDI
Articolo precedenteVivere Verde Onlus – #1
Prossimo articoloFoodbusters – #3